Torna BiblioBijou!

5 dic, 2017   //   by Museo del Bijou   //   Segnalazioni  //  Nessun Commento

Il sodalizio tra Museo del Bijou e la Biblioteca Civica continua nella fortunata formula dei Pomeriggi Bibliobijou, alla loro terza edizione.
La modalità non è cambiata: sabato pomeriggio, a partire dalle 15.30, letture animate al primo piano della Biblioteca Civica e a seguire attività di laboratorio nel seminterrato del museo, per bambine e bambini della Scuola Primaria. Una vera e propria fusione (non solo nel nome dell’evento) per far conoscere ed amare due luoghi della cultura che in questa occasione dialogano e collaborano in un clima di festa come quello che precede il Natale. Per partecipare ai laboratori è richiesto un contributo di € 4,00 ad incontro (€ 10,00 per i tre appuntamenti).
Le letture animate sono a cura della Cooperativa Charta. I laboratori invece a cura di Chiara Storci.
Il primo incontro, legato alla rassegna Stupor mundi,  prende spunto da una antica fiaba persiana che spiega come nasce un tappeto: “Il giardino di Babai”. Chiara Storci proporrà poi il laboratorio di tessitura con un telaio fai-da-te e semplici fili di lana.  I bambini realizzeranno un gioiello tessuto con le loro stesse mani.
Il secondo incontro proporrà invece storie di carta, e la carta sarà protagonista dei bijoux che si andranno a realizzare al museo.
Racconti di Natale e… “parole da indossare” i temi del terzo appuntamento. >
Gli incontri, a numero chiuso, si terranno il 2, il 9 e il 16 dicembre, dalle ore 15.30 alle 17.30 circa.

La locandina di BiblioBijou

Lascia un commento

La storia attraverso i bijoux

Un museo assolutamente unico in Italia: oltre 20mila pezzi fra anelli, collane, bracciali, orecchini, dalla fine dell'800 al 1970. Un bijou di museo per appassionati di vintage e amanti del bello. Ma anche laboratori didattici e professionali per creare con il gusto e i materiali di oggi.

Archivio eventi

Categorie

Associazione Amici del Bijou

Attiva dal 1986 e fondata da Francesco Zaffanella, a questa associazione si deve l'idea del museo e gran parte del lavoro iniziale di raccolta e catalogazione del materiale. I suoi membri collaborano alla realizzazione di eventi ed iniziative. Dal 2011 è presieduta da Paolo Zani.